Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Sicurezza della Rosuvastatina 40 mg/die nei pazienti che raggiungono livelli di colesterolo LDL molto bassi


L’evidenza degli studi clinici è a sostegno dell’impiego della terapia intensiva con statine nei pazienti con malattia coronarica.

E’ stata compiuta una ricerca utilizzando i dati dello studio ASTEROID ( A Study to Evaluate the Effect of Rosuvastatin on Intravascular Ultrasound-Derived Coronary Atheroma Burden ), con l’obiettivo di verificare la sicurezza nel raggiungimento dei livelli di colesterolo LDL molto bassi.

Sono stati raggruppati i pazienti trattati con 40 mg/die di Rosuvastatina ( Crestor ) in base ai livelli di colesterolo LDL raggiunti e secondo gli obiettivi fissati dal National Cholesterol Education Program ( NCEP ).

L’analisi ha riguardato 471 pazienti; di questi il 72.2% presentava livelli di colesterolo inferiori a 70 mg/dl e raggiungimento degli obiettivi fissati dalle lineeguida.
Il 40.8% dei 471 pazienti aveva livelli di colesterolo LDL maggiori o uguali a 40 mg/dl ma inferiori a 60 mg/dl, e nel 12.1% i livelli di colesterolo LDL erano inferiori a 40 mg/dl.

L’incidenza di eventi avversi nel corso dello studio è stata bassa, e non si è evidenziata alcuna relazione tra evento avverso e livello di colesterolo LDL ottenuto.

In modo simile non sono state osservate differenze con i livelli di colesterolo LDL raggiunti tra volume dell’ateroma durante trattamento, cambiamenti del volume dell’ateroma e alta percentuale di soggetti con regressione dell’ateroma.

In conclusione, i dati analizzati non hanno mostrato nessuna chiara relazione tra i livelli di colesterolo LDL ottenuti con la terapia intensiva con Rosuvastatina e l’insorgenza di eventi avversi.
La regressione dell’ateroma si è presentata nella maggioranza dei pazienti e non è risultata associata ai livelli di colesterolo LDL raggiunti. ( Xagena2009 )

Wiviott SD et, Am J Cardiol 2009; 104: 29-35


Cardio2009 Farma2009


Indietro