Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Evolocumab, un inibitore PCSK9, nell'ipercolesterolemia familiare eterozigote pediatrica


Evolocumab ( Repatha ), un anticorpo monoclonale completamente umano diretto contro PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina-kexina di tipo 9 ), è ampiamente utilizzato nei pazienti adulti per abbassare i livelli di colesterolo da lipoproteine ​​a bassa densità ( LDL ).
I suoi effetti nei pazienti pediatrici con ipercolesterolemia familiare eterozigote non sono noti.

È stato condotto uno studio di 24 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per valutare l'efficacia e la sicurezza di Evolocumab nei pazienti pediatrici con ipercolesterolemia familiare eterozigote.

Pazienti di età compresa tra 10 e 17 anni che avevano ricevuto un trattamento ipolipemizzante stabile per almeno 4 settimane prima dello screening e che avevano un livello di colesterolo LDL di 130 mg per decilitro ( 3.4 mmol per litro ) o più e un livello di trigliceridi di 400 mg per decilitro ( 4.5 mmol per litro ) o meno sono stati assegnati in modo casuale a ricevere iniezioni sottocutanee mensili di Evolocumab 420 mg o placebo.

L'endpoint primario era la variazione percentuale del livello di colesterolo LDL dal basale alla settimana 24; gli endpoint secondari chiave erano la variazione percentuale media del livello di colesterolo LDL dal basale alle settimane 22 e 24 e la variazione assoluta del livello di colesterolo LDL dal basale alla settimana 24.

In totale 157 pazienti sono stati randomizzati e hanno ricevuto Evolocumab ( 104 pazienti ) o placebo ( 53 pazienti ).

Alla settimana 24, la variazione percentuale media dal basale del livello di colesterolo LDL era −44.5% nel gruppo Evolocumab e −6.2% nel gruppo placebo, per una differenza di −38.3 punti percentuali ( P minore di 0.001 ).

La variazione assoluta del livello di colesterolo LDL è stata di −77.5 mg per decilitro ( −2.0 mmol per litro ) nel gruppo Evolocumab e −9.0 mg per decilitro ( −0.2 mmol per litro ) nel gruppo placebo, per una differenza di −68.6 mg per decilitro ( −1.8 mmol per litro ) ( P minore di 0.001 ).

I risultati per tutte le variabili lipidiche secondarie erano significativamente migliori con Evolocumab rispetto al placebo.

L'incidenza degli eventi avversi che si sono verificati durante il periodo di trattamento è stata simile nei gruppi Evolocumab e placebo.

In questo studio condotto su pazienti pediatrici con ipercolesterolemia familiare, Evolocumab ha ridotto il livello di colesterolo LDL e altre variabili lipidiche. ( Xagena2020 )

Santos RD et al, N Engl J Med 2020; 383: 1317-1327

Endo2020 Cardio2020 Pedia2020 Farma2020



Indietro