Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Alirocumab e aterosclerosi coronarica in pazienti asintomatici con ipercolesterolemia familiare: studio ARCHITECT


L’effetto di Alirocumab ( Praluent ), un inibitore di PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ), sul carico di placca coronarica nei pazienti con ipercolesterolemia familiare non è stato studiato.

Sono stati valutati i cambiamenti nel carico di placca coronarica e le sue caratteristiche dopo il trattamento con Alirocumab mediante quantificazione e caratterizzazione della placca aterosclerotica in tutto l'albero coronarico sulla base di un'analisi non-invasiva di angiografia coronarica computerizzata in soggetti asintomatici con ipercolesterolemia familiare che ricevevano una terapia ottimizzata e stabile con la dose massima tollerata di statine con o senza Ezetimibe

È stato condotto lo studio clinico di fase IV, in aperto, multicentrico, a braccio singolo ARCHITECT per valutare i cambiamenti nel carico della placca coronarica e le sue caratteristiche dopo 78 settimane di trattamento con Alirocumab nei pazienti con ipercolesterolemia familiare senza malattia cardiovascolare aterosclerotica clinica.

I partecipanti sono stati sottoposti a un'angiografia tomografica computerizzata coronarica iniziale al basale e a un'altra a 78 settimane.
Ogni paziente ha ricevuto 150 mg di Alirocumab per via sottocutanea ogni 14 giorni in aggiunta alla terapia con statine ad alta intensità.

L’esito principale era il cambiamento del carico di placca coronarica e delle sue caratteristiche mediante quantificazione e caratterizzazione della placca aterosclerotica in tutto l'albero coronarico sulla base dell'analisi di angiografia tomografica computerizzata coronarica.

104 pazienti hanno completato lo studio. L'età media era di 53.3 anni. Di questi pazienti, 54 erano donne ( 51.9% ).
Il colesterolo mediano da lipoproteine ​​a bassa densità ( LDL ) era 138.9 mg/dl all’inizio e 45.0 mg/dl al follow-up ( P minore di 0.001 ).

Il carico di placca coronarica è cambiato dal 34.6% all’ingresso al 30.4% al follow-up ( P minore di 0.001 ).
È stato riscontrato anche un cambiamento significativo nelle caratteristiche dell'aterosclerosi coronarica: un aumento della percentuale di placca calcificata ( +0.3%; P minore di 0.001 ) e prevalentemente fibrosa ( +6.2%; P minore di 0.001 ), accompagnato da una diminuzione della percentuale di placca fibro-adiposa ( -3.9%; P minore di 0.001 ) e placca necrotica ( -0.6%; P minore di 0.001 ).

Il trattamento con Alirocumab in aggiunta alla terapia con statine ad alta intensità ha portato a una regressione significativa del carico di placca coronarica e alla stabilizzazione della placca all’angiografia tomografica computerizzata coronarica nell’arco di 78 settimane in questi gruppi di pazienti con ipercolesterolemia familiare senza malattia cardiovascolare aterosclerotica clinica.

Lo studio ARCHITECT ( Effect of Alirocumab on Atherosclerotic Plaque Volume, Architecture and Composition ) potrebbe collegare e spiegare i risultati dello studio ODYSSEY OUTCOMES ( Evaluation of Cardiovascular Outcomes After an Acute Coronary Syndrome During Treatment With Alirocumab ). ( Xagena2023 )

Pérez de Isla L et al, Circulation 2023; 147: 1436-1443

Cardio2023 Endo2023 Farma2023



Indietro